earthing-a-piedi-nudi

Earthing: Camminare a piedi nudi per curarsi con l’energia della terra

“Gli umani sono gli unici esseri sconnessi di frequente dalla Terra e meno tempo sono connessi più si ammalano” (Dottor George Starr White)

Ho provato da un paio di mesi per la prima volta l’earthing (nel mio caso il braccialetto antistatico) lo ammetto all’ inizio ero scettico, ma ho provato solo dopo 15 minuti una sensazione di benessere e leggerezza su tutto il corpo, e per questo ve ne voglio parlare, questo metodo ancora poco conosciuto in Italia, ma conosciuto abbastanza già in America…..

Perchè è importante rimanere connessi alla terra?  

Con l’avvento del progresso tecnologico, come le scarpe con la suola di gomma o di plastica, di materassi isolanti in case isolanti, passiamo ormai le nostre giornate e le nostre notti scollegati dalla Terra.

Sintomi quali stanchezza, infiammazioni croniche possono essere dovute al fatto che non siamo connessi alla Terra e soffriamo di una carenza di elettroni a causa di questo mancato collegamento. Possiamo ottenere una ricarica istantanea semplicemente mettendo i piedi nudi a contatto con la Terra.

In questo modo, una mancata connessione con la terra crea accumulo di elettricità statica, causando nervosismo, depressione, tensioni muscolari e renderci vulnerabili a disturbi, dolori e malattie.

Basta però camminare per un pò a piedi nudi sull’erba (meglio appena bagnata dalla rugiada) o su una spiaggia per sentire i benefici di questa connessione. Ecco perchè quando d’estate camminiamo a piedi nudi sulla sabbia, ci sentiamo meglio.

La terra: fonte inesauribile di elettroni liberi a carica negativa 

L’isolamento dalla Terra produce un accumulo sul corpo di elettricità statica (elettroni con carica positiva )
Gli elettroni liberi presenti sulla superficie della terra sono importano per bloccare i radicali liberi, infatti come sappiamo una sovrapproduzione di radicali liberi da parte del sistema immunitario, o una carenza di antiossidanti, determina un’aggressione ai tessuti sani e dunque infiammazione.

Alimentazione naturale ed antiossidanti possono aiutarci a combattere questo eccesso di radicali liberi, ma ciò che è stato trascurato fino a poco fa è la possibilità di ricevere elettroni liberi negativi dalla Terra.

La messa a terra è altrettanto naturale quanto il camminare scalzi sulla Terra.

Il nostro corpo è stressato anche da deboli correnti elettriche indotte dalle radiazioni artificiali.

Fonti di elettro-stress sono:

  • telefoni cellulari e cordless,
  • cablaggio domestico (elettricità sporca),
  • ripetitori,
  • antenne radio e TV,
  • WiFi,
  • Bluetooth,
  • linee elettriche,
  • computer ed altri apparecchi elettrici.                                                                                      

La messa a terra: Un metodo sottovalutato ma importante per il nostro benessere

earthing

Immagini tratte dal libro: Cosmo-Electro Culture for Land and Man

Il primo ad individuare i pericoli per la salute derivanti dall’isolamento dalla Terra fu un medico americano, Il Dr. George Starr White.

Nel suo libro del 1940 “Cosmo-Electro Culture for Land and Man”, egli evidenziava i risultati positivi su sonno, difese immunitarie e diminuzione di dolori ottenuti con il suo sistema per la messa a Terra.

La scoperta del Dr. Starr White sugli effetti salutari della messa a Terra del corpo è rimasta nascosta ai più per oltre 70 anni.                                                                     Di recente la sua scoperta ha avuto conferma da un ricercatore americano.

In un gruppo di persone  connesse a Terra di notte per un periodo di alcune settimane  vi furono  nell’ 80% dei casi: miglioramento del sonno, scomparsa o calo dei dolori alla schiena ed alle articolazioni ed un miglioramento del benessere globale.

Gli effetti positivi della messa a terra sul corpo umano

Numerosi i risultati positivi per la salute sono emersi da studi scientifici nello scorso decennio.

I benefici della messa a terra durante il sonno per  alcune settimane sono:

  • Riduzione dei livelli di stress
  • Normalizzazione dei ciclo del cortisolo (principale indicatore dello stress)
  • Rilassamento delle tensioni muscolari
  • Riduzione dei fenomeni infiammatori (elettroni negativi dalla Terra agiscono da antiossidanti)
  • Aumento della bilirubina (eccellente antiossidante)
  • Calma dell’emisfero cerebrale sinistro
  • Maggiore fluidità del sangue

Studi scientifici sulla messa a terra

Gli effetti della messa a terra sul sangue:  

Un medico americano  usando un metodo chiamato “potenziale zeta”, è riuscito a  misurare la viscosità del sangue. Il risultato dello studio è stato che quando si è connessi a terra il “potenziale zeta” aumenta e ciò vuol dire che i globuli rossi hanno una maggiore carica superficiale, che li mantiene separati e il sangue risulta fluido. Questa azione rende il sangue meno denso e ne favorisce il flusso, permettendo anche una riduzione della pressione sanguigna.

Gli effetti sul cortisolo:

La messa a terra normalizza il cortisolo durante il sonno. Il cortisolo e’ il principale indicatore di stress nel nostro organismo, un eccesso ha come conseguenza quella di indebolire il nostro sistema immunitario, ridurre la formazione delle ossa, sopprimere la funzione della tiroide; aumentare la pressione sanguigna; inibire il sistema riproduttivo; aumentare la produzione di glucosio, stimolare la secrezione acido-gastrica etc..

Gli effetti su infiammazione e circolazione:  

La produzione cronica di radicali liberi può causare malattie come conseguenze di infiammazioni, quali artriti, arteriosclerosi, infarti, alcune forme di diabete, asma, sclerosi multipla, infiammazione intestinale etc. La condizione di infiammazione cronica può essere fermata solo quando l’eccesso di radicali liberi caricati elettricamente viene stabilizzato e termina l’attacco a cellule sane.  Il corpo collegato alla Terra è protetto dai campi elettromagnetici e riceve dalla Terra elettroni negativi antinfiammatori e antiossidanti.

Fonte degli studi: Earthing the Human Body Influences Physiologic Processes

Differenza tra la tecnologia Earthing e l’uso di magneti o stuoie antistatiche non connesse con la messa a terra 

Anche se l’uso di magneti produce alcuni effetti terapeutici positivi, i magneti non possono fornire elettroni liberi, né possono collegare il corpo con le frequenze della Terra.

La tecnologia Earthing vi connette con gli elettroni della Terra nello stesso modo, come se foste in piedi a piedi nudi su un terreno all’esterno.

Dormire direttamente sul suolo (con cuscini o letti conduttivi) o camminare scalzi ci equilibra energicamente poiché gli elettroni liberi della superficie terrestre ci pervadono e ci sintonizzano agli stessi livelli di potenziale e carica energetica della Terra. Questo riequilibrio può causare una leggera sensazione di bruciore e ci procura numerosi benefici.

INTERVISTA AL DOTTOR SINATRA MEDICO CARDIOLOGO CHE UTILIZZA L’ EARTHING:

DOCUMENTARIO “GROUNDED”: Il film prende spunto dall’esperienza personale del regista e della comunità in cui vive, in Alaska, per approfondire i benefici del contatto fisico diretto con la Terra.

I PRODOTTI EARTHING LI POTETE ACQUISTARE SUL SITO: www.earthing.co.it

SE VOLETE APPROFONDIRE L’ ARGOMENTO VI SEGNALO QUESTO INTERESSANTISSIMO LIBRO EARTHING A PIEDI NUDI DEL DOTTOR SINATRA MEDICO CARDIOLOGO 

I tre autori del libro raccontano in prima persona e spiegano dai diversi punti di vista legati alla loro professione ed esperienza di vita come questi principi di disconnessione siano comprovati da una serie di dati scientifici ed esperienziali.

Earthing - A Piedi Nudi

RECENSIONI SU MACROLIBRARSI DEL LIBRO

recensioni-macrolibrarsi

 

N.B. : Nessuna di queste informazioni che provengono da studi pilota, costituisce un parere medico o pretende di curare una qualsiasi condizione di salute. Consultate sempre un medico per ogni aspetto della vostra salute personale. Le informazioni fornite su questa pagina hanno scopo puramente informativo; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *