aglio

L’aglio va prima schiacciato o tritato per rendere attiva l’allicina

L’aglio è una pianta originaria dell’Asia e il suo uso nella medicina naturale risale al terzo millennio nell’Antico Egitto e India.

L’aglio per le sue proprietà può essere considerato un vero e proprio farmaco naturale.

Proprietà dell’aglio

Oggi grazie ad alcuni studi scientifici sappiamo che l’aglio è:

  • un potente antibiotico naturale
  • abbassa la pressione arteriosa
  • proprietà digestive
  • fa bene al cuore, contribuisce alla pulizia delle arterie, evitando  l’accumulo di colesterolo LDL
  • combatte i reumatismi
  • i disturbi dello stomaco
  • utile per i problemi della pelle
  • effetti preventivi antitumorali
  • migliora il funzionamento del fegato e della cistifellea
  • utile per il mal di denti, basta spremere l’ aglio e riporlo sulla parte dolorante
  • Rafforza il sistema immunitario (leggi QUI lo studio)
  • Ci protegge dai danni provocati dai metalli pesanti (leggi QUI lo studio)

Alcuni studi hanno dimostrato che il momento ideale per assumerlo è al mattino appena svegli a stomaco vuoto.

Composizione chimica dell’aglio

L’aglio contiene 400 sostanze utili per l’organismo umano.

È formato da:

  • quasi 59% acqua
  • circa 6% proteine
  • 0,6 lipidi
  • circa 2% carboidrati e fibra alimentare

Minerali presenti (in ordine decrescente): potassio, calcio, fosforo, magnesio, sodio, selenio, ferro, manganese, zinco, rame.

Vitamine presenti: B1, B2, B3, B5, B6, vitamina C (in buone quantità), vitamina E, J e K.

Aminoacidi presenti:  acido aspartico e glutammico, alanina, arginina, cistina, glicina, fenilananina, istidina, isoleucina, leucina, lisina, prolina, metionina, serina, tirosina, triptofano, valina e treonina.

Il principio attivo più importante è l’allicina (composto solforganico) che ha forti proprietà antibiotiche e antifungine.

Come attivare l’allicina dell’aglio ?

Molti composti solforati come l’aglio sono presenti negli alimenti allo stato “inattivo” e vengono attivati da enzimi presenti negli alimenti stessi.

Quando questi alimenti vengono tritati o schiacciati gli enzimi al loro interno vanno a contatto con le molecole inattive, trasformandole in molecole bioattive.

Questo è proprio quello che accade nell’aglio, all’interno del quale l’alliina si trasforma in allicina quando esso viene tritato.

Come si può notare dai grafici qui sotto, se si trita o si schiaccia l’aglio qualche minuto prima della cottura, si preserva una parte della bioattività dell’allicina;

Bisogna però dire che la scelta migliore rimane l’aglio crudo.

10653632_185222338314959_2349607536331256666_n

FONTE: Smart Food Istituto Europeo di Oncologia

Consigli utili per chi non sopporta l’odore dell’aglio

  • Se non sopportate l’odore e il sapore forte dell’aglio, potete usare integratori naturali all’aglio in pasticche, che si possono acquistare in farmacia o in erboristeria.
  • Se invece volete assumere l’aglio crudo al naturale, e avete paura del forte odore e alito pesante che lascia in bocca, potete nasconderne il sapore ingerendo un po’ di succo di limone o masticando qualche fogliolina di menta.

 

LIBRI CHE VI CONSIGLIAMO PER UNA MAGGIORE CONSAPEVOLEZZA E UNA SANA ALIMENTAZIONE NATURALE

Buono Sano Vegano

Voto medio su 6 recensioni: Buono

Il Cibo dell'Uomo

Voto medio su 26 recensioni: Da non perdere

Mangiar Sano e Naturale

 

N.B.: Le informazioni fornite su questa pagina hanno scopo puramente informativo; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.