broccoli

Broccoli: Proprietà e controindicazioni di uno straordinario alimento

I broccoli fanno parte della famiglia delle Crucifere.

Il nome deriva da latino “brachium” che vuol dire ramo o braccio, probabilmente il nome deriva dalla sua forma ad albero.

I broccoli si sono sviluppati dalla pianta selvatica dei cavoli, originaria dell’Europa, ma già gli antichi romani e gli italiani hanno coltivato broccoli per oltre 2.000 anni e poi diffusi in tutto il mondo.

Immigrati italiani introdotti negli Stati Uniti durante il periodo coloniale, hanno esportato e diffuso questo meraviglioso alimento il broccolo.

Dal 1920 in poi, i broccoli sono cresciuti di popolarità anche negli USA ed è diventato un alimento spesso utilizzato anche nelle cucine americane.

Le proprietà nutrizionali dei broccoli

È particolarmente ricco di vitamina C.

Una porzione di 100 gr. di  broccoli fornisce circa la stessa quantità di proteine di una porzione di 100 gr. di mais o di riso, ma meno di un terzo della quantità di calorie.

Una porzione di 100 gr. di broccoli contiene solo 35 calorie circa.

I broccoli contengono anche la luteina che è un carotenoide che porta benefici per i nostri occhi, è anche una fonte eccellente di vitamine K, C, e A, così come di acido folico e fibre. Sono un’ottima fonte di fosforo, potassio, magnesio e le vitamine B6 e vitamina E.

Contengono anche glucosinolati (in particolare indolo-3-carbinolo e sulforafano, sono fitochimici con uno straordinario effetto anticancro, in particolare nel cancro al seno e alla prostata).

Studi preliminari suggeriscono che, al fine di ridurre della metà il rischio di cancro, una persona media dovrebbe mangiare circa due chili di broccoli o verdure simili a settimana.

Broccoli: Benefici per la salute

  • Studi hanno dimostrato che i broccoli sono particolarmente efficaci nella prevenzione del cancro al seno, grazie ai glucosinolati trovati nei broccoli che aiutano ad aumentare la ripartizione di estrogeni.
  • Il broccolo è ricco di indolo-3-carbinolo, che impedisce la crescita di entrambe le cellule del cancro al seno e alla prostata.
  • Indole-3-carbinolo aumenta anche la capacità del fegato di disintossicare i composti tossici, tra cui il papillomavirus umano, che è legata allo sviluppo del cancro cervicale.
  • I broccoli contengono alti livelli di luteina, che aiuta a prevenire la degenerazione maculare.

I broccoli possono essere consumati crudi o cotti, caldi o freddi. I broccoli sono appropriati per ogni pasto e occasione.

Quali controindicazioni?

I broccoli così come tutta la famiglia dei cavoli contengo sostanze gozzigene che possono interferire con il funzionamento della ghiandola tiroidea.

Gli alimenti gozzigeni però in genere, non sono influenti sul piano clinico, a meno che si consumino grandi quantità e si accusi contemporanamente una mancanza di iodio,

La cottura comunque aiuta a disattivare questi composti.

Chi soffre di problemi alla tiroide dovrebbe quindi evitare il consumo di ortaggi crudi della famiglia dei cavoli.

 

PER APPROFONDIRE LEGGI ANCHE QUESTO ARTICOLO: Gli alimenti gozzigeni o antitiroidei: Cosa sono e quali sono?

 

LIBRI CONSIGLIATI PER UNA SANA E CONSAPEVOLE ALIMENTAZIONE

Mangiar Sano e Naturale
Versione nuova
Il Cibo dell'Uomo
La via della salute tra conoscenza scientifica e antiche saggezze – Nuova Edizione Aggiornata

Voto medio su 26 recensioni: Da non perdere

La Rivoluzione delle Forchette - 2 DVD
La Bibbia del Mangiar Sano e Naturale – Seminario formativo + Interviste esclusive
Nutrizione Superiore
Versione nuova
Enciclopedia della Nutrizione
Dalla A alla Z tutti i cibi che guariscono.

Voto medio su 4 recensioni: Da non perdere

Manuale di Nutrizione
Diete e terapie naturali per il Nutrizionista
Nutrizione Cosciente
Tutti i segreti di una corretta alimentazione per la salute del corpo e il benessere dell’anima

 

N.B.: Le informazioni fornite su questa pagina hanno scopo puramente informativo; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *