curcuma

Curcuma come assumerla? Ecco 3 trucchi per potenziare i suoi benefici

Innumerevoli studi hanno dimostrato i benefici medicinali di questa incredibile radice: la curcuma. Tuttavia, prima di iniziare a consumare questa potente medicina-cibo, è necessario capire come sbloccare pienamente il suo potente potenziale di guarigione.

Che cos’è la curcuma?

La curcuma detta anche zafferano delle Indie è un rizoma (un tipo di stelo orizzontale, di solito sotterraneo che invia radici e germogli dai suoi nodi) è simile alla radice di zenzero (un rizoma) entrambi sono classificati come i membri della famiglia Zingiberacaea; molto utilizzata nella farmacopea della medicina tradizionale cinese (MTC) e nella medicina ayurvedica;

Il rizoma ha una pelle legnosa di color marrone e la polpa di colore arancio vivo. 

E’ stato usato per migliaia di anni come medicina, è l’ingrediente principale del curry ed è usato anche come colorante giallo.

 La storia della curcuma 

La curcuma è originaria dell’Indonesia e del Sud dell’India, la curcuma viene coltivata fin dal IV millennio a.C. La pianta ha avuto un ruolo importante in molte culture tradizionali di tutto l’Oriente. Ancora oggi è usata ne riti induisti e come colorante per i vestiti sacri. 

È anche un elemento teuto in grande considerazione nella farmacopea ayurvedica. Benchè nel XIII secolo gli arabi l’avessero introdotta in Europa, solo recentemente la curcuma è diventata popolare nella cultura occidentale, grazie anche alle ricerche che ne hanno individuato le proprietà terapeutiche.

India, Indonesia, Formosa, Haiti, Giamaica sono i principali produttori di curcuma.

I benefici della curcuma

La curcumina (il pigmento giallo della pianta) svolge un azione antinfiammatoria, le ricerche hanno dimostrato che tale azione è paragonabile a quella di farmaci come idrocortisone e fenilbutazone e di antinfiammatori come l’ibuprofene, ma a differenza dei frmaci la curcuma non ha effetti tossici.

Altri studi hanno dimostrato che la curcumina ha una potente azione antiossidante in grado di proteggere le cellule sane dai radicali liberi, che possono danneggiare il DNA e sviluppare il cancro, soprattutto per quanto riguarda il cancro al colon.

Oltre all’azione preventiva, la curcumina ha dimostrato di inibire la crescita del cancro per i seguenti motivi:

  • Inibisce i siti recettori del fattore epidermico della crescita (detto EGF): l’EGF stimola la proliferazione delle cellule collegando ai recettori le cellule superficiali. Circa un terzo di tutti i tumori produce un’abbondanza di questi recettori, rendendoli estremametne sensibili all’EGF. Riducendo il numero dei recettori EGF, la curcumina diminuisce la tendenza delle cellule a proliferare.
  • Inibisce l’angiogenesi, il fattore di crescita fibroblastica (proteina che promuove la formazione di vasi sanguigni per nutrire il tumore).
  • Inibisce il fattore nucleare kappa-beta (NF-kb), una proteina che viene prodotta da diversi tipi di cellule cancerogene per bloccare i segnali che inibiscono la proliferazione.
  • Aumenta l capacità della proteina nucleare p53, essenziale per l’apoptosi, il normale processo delle cellule “suicide”.
  • Inibisce gli enzimi che promuovono la crescita.

Oltre ai benefici per le sue proprietà antiossidanti, la curcumina:

  • inibisce la formazione delle nitrossamine, sostaze cancerogene;
  • aumenta la produzione da parte dell’organismo di composti che combattono il cancro, come il glutatione;
  • promuove la disintossicazione da composti che causano il cancro;
  • previene un’eccessiva produzione di cicloossigenasi 2 (COX-2), un enzima che può contribuire alo sviluppo dei tumori.

Studi sperimentali hanno trovato che combatte i tumori dela prostata, del seno, del colon, dello stomaco e del fegato. Quest benefici sono stati riscontrati in uno studio condotto su 62 soggetti che soffrivano di cancro orale ulceroso o di cancro alla pelle, e che non avevavno risposto ai trattamenti standard. I pazienti ricevettero un estratto all’etanolod i curcuma (in caso di cancro orale) o un unguento contenente lo 0,5% di curcumina in vasellina.

L’estratto o l’unguento furono somministrati o applicati sulla zona infetta 3 volte al giorno Dopo 18 mesi di trattamento l’odore della lesione si era ridotto del 90%, il prurito e il trasudamento del 70%, il dolore del 50% e le dimensioni del 10%.

Questi risultati possono apparire poco spettacolari, ma si deve tener conto che i trattamenti standard non avevano avuto alcun risultato su questi pazienti.

Oltre a proteggere contro il cancro, la curcuma può aiutare nella prevenzione delle malattie cardiache e in quelle neurologiche degenerative, quali il morbo di Alzheimer e il Parkinson, e nella sclerosi multipla.

Per quanto riguarda le malattie cardiache, al curcuma non solo abbassa il colesterolo, ma ne previene anche l’ossidazione. Dato che è il colesterolo ossidato a danneggiare i vasi sanguigni, formando placche che possono condurre ad attacco cardiaco o a infarto, la prevenzione dell’ossdiazione del colesterolo aiuta a ridurre l’avanzare dell’aterosclerosi e delle malattie cardiache di origine diabetica.

Riguardo al potenziale della curcuma come agente protettivo del cervello, studi epidemiologici hanno dimostrato che tra gli anziani dell’India, dove la curcuma è usata comunemente in cucina, i livelli di malattie neurologiche come l’Alzheimer sono molto bassi.

Altri studi hanno inoltre dimostrato  che l acurcumina rallenta il progredire dell’Alzheimer e della sclerosi multipla nei topi.

Curcumina e Curcuminoidi 

La curcumina (diferuloilmetano) è il pigmento giallo trovato nella spezia curcuma il (Curcuma longa). La curcumina è una delle tre curcuminoidi noti presenti nella curcuma, gli altri due sono desmethoxycurcumin e bis-desmethoxycurcumin.

Gli scienziati non hanno ancora identificato tutti i componenti della curcuma. I ricercatori continuano a scoprire nuovi curcuminoidi. Stime attuali sono che la curcuma contiene ben più di un centinaio di composti chimici che si trovano principalmente nell’olio essenziale di questo complesso spezia medicinale.

Uno dei problemi principali con la curcuma (Curcuma longa) è che la curcumina (CUR) ha una bassa biodisponibilità. La curcumina è il principio attivo della curcuma. Una preponderanza di studi clinici e animali rivelano che le concentrazioni di CUR nel plasma sanguigno, urina, e tessuti periferici, se rilevabile a tutti, sono estremamente basse, indipendentemente dalle dimensioni dosaggio.

Che cos’è la biodisponibilità?

Secondo il Manuale Merck, per biodisponibilità si intende la velocità con cui il principi attivo (farmaco o metabolita) entra nella circolazione sistemica, accedendo così il sito d’azione.

In sostanza, la biodisponibilità è su quanto di una sostanza ingerita viene effettivamente assorbito dal nostro organismo. Ne consegue che le sostanze aventi scarsa biodisponibilità non saranno efficaci per scopi curativi.

La ricerca conferma la bassa biodisponibilità della curcuma

Punti chiave:

Numerosi studi confermano che la curcumina presenta livelli sierici molto bassi nel sangue quando la curcumina viene somministrato per via orale. La maggior parte di curcumina ingerita oralmente viene metabolizzata prima di raggiungere il flusso sanguigno. Aumentando la dose non comporta un maggiore assorbimento.

La via di somministrazione e metodo di preparazione sono i principali fattori che influenzano la biodisponibilità o livelli sierici di curcuma

Studi scientifici sulla curcuma

Concentrazioni basse di curcumina nei livelli sierici

Uno studio sulla curcumina nei ratti (1978) di Whalstrom e Blennow mostrano che la curcumina per via orale è stata scarsamente assorbita nell’intestino. Quando 1 g / kg di curcumina è stato somministrato per via orale ai ratti solo una quantità trascurabile di curcumina è stato trovato nel plasma sanguigno. Circa il 75% di esso è stata espulso con le feci.

Un altro studio ha dimostrato che quando ai topi sono stati somministrati per via orale 400 mg di curcumina, nessuna traccia di curcumina è stata trovata nel sangue, mentre solo una piccola traccia è stato trovato nel sangue entro 15 minuti a 24 ore dalla somministrazione.

Un altro recente studio ha dimostrato che quando 10 mg / kg di curcumina è stato somministrato per via orale solo 0,36 mg / ml di curcumina è stato trovato nel siero del sangue.

Uno studio pilota su pazienti con tumore al colon-retto. I pazienti hanno ricevuto estratto di Curcuma che conteneva 36-180 mg di curcumina in capsule di proprietà per 4 mesi. Dopo 29 giorni di curcumina orale: Né la curcumina né i suoi metaboliti sono stati rilevati nel plasma, sangue e nelle urine. Anche se le tracce di curcumina e curcumina solfato sono stati trovati nelle feci.

Distribuzione tissutale della curcumina

In un altro studio: Assorbimento e distribuzione tissutale della curcumina nei ratti. e’ stato dimostrato che dopo la somministrazione orale di 400 mg di curcumina sui topi: solo tracce della molecola invariati sono stati trovati in fegato e reni. A 30 min, 90% della curcumina è stata trovata nello stomaco e nell’intestino tenue, ma solo 1% era presente dopo 24 ore.

NOTA: Pochi sono gli studi che sono stati fatti sulla curcumina e distribuzione tissutale.

Metaboliti

I metaboliti è il prodotto (intermedio o finale) del processo noto come metabolismo, che deriva dalla parola greca che significa “cambiamento”. Il metabolismo è una serie graduale di trasformazioni chimiche di sostegno vitale all’interno delle cellule degli organismi viventi. Il termine metaboliti si riferisce a piccole molecole.

Metaboliti primari sono necessari per la crescita e mantenimento della vita normale. Metaboliti secondari supportano attività metabolita primario indirettamente e servono altre importanti funzioni ecologiche. I metaboliti sono un evento naturale che si formano come parte di un processo biologico intrinseco che rompe ed elimina vari composti.

La ricerca indica che i metaboliti di curcumina, vengono rilevati nel plasma o nel siero dopo l’assunzione orale

La maggior parte degli studi hanno dimostrato che questi metaboliti sono in realtà meno attivi in pratica quando la curcumina viene metabolizzata la potenza dei suoi metaboliti sono meno potenti della curcumina presente nella radice.

L’intestino e fegato, sono gli organi dove la curcumina somministrata oralmente viene trasformata in metaboliti.

Sulla base di vari studi i metaboliti prodotti sono: glucuronidi curcumina e solfati curcumina o, alternativamente, ridotti a hexahydrocurcumin (HHC) e Tetrahydrocurcumin (THC). La maggior parte degli studi hanno dimostrato che questi metaboliti sono meno biologicamente attivi rispetto alla curcumina composto progenitore.

Breve emivita della curcumina

L’emivita  è un parametro farmacocinetico che indica il tempo richiesto per ridurre del 50% la quantità di un farmaco nel plasma o nel siero (nel sangue). Farmaci con una breve emivita si devono prendere più volte al giorno, per mantenere la concentrazione terapeuticamente efficace dei livelli sierici di sangue.
Al contrario, i farmaci con emivite più efficaci mantengono livelli sierici per periodi di tempo molto più lunghi e possono essere presi meno frequentemente .

Gli studi di Whalstrom e Blennow dimostrano la rapida eliminazione sistematica di curcumina dal corpo con emivita breve. Come già detto quando 1g / kg curcumina è stato somministrato per via orale ai ratti circa il 75% della curcumina è stata espulsa con le feci con solo tracce trovate nelle urine.  Una breve emivita della curcumina riduce l’effetto terapeutico di curcuma nel corpo. Ulteriori studi sono necessari al fine di trarre conclusioni definitive circa l’emivita di curcuma.

NOTA: utilizzare sempre curcuma biologica fresca e organica, curcuma in polvere o intero

Curcuma come assumerla? Tre trucchi per potenziare gli effetti della curcumina

1) Aggiungere pepe nero alla curcuma 

La piperina è l’alcaloide caratteristico del pepe nero “La piperina è un potente inibitore del metabolismo dei farmaci. Uno dei modi per cui il nostro fegato si sbarazza di sostanze estranee è di convertirli in sostanze solubili in acqua in modo che possano essere più facilmente espulse. Ma la molecola del pepe nero inibisce questo processo “. – (Michael Greger, MD., È un medico, autore, e riconosciuto a livello internazionale speaker professionale su una serie di importanti questioni di salute pubblica).

Quanto Pepe Nero?

Non molto!                                                                                                                                                              

“Se alle persone viene somministrato un pò di curcumina, nel giro di un’ora c’è un piccolo rialzo del livello nel loro flusso sanguigno. Noi non vediamo un grande aumento, perché il nostro fegato sta attivamente cercando di sbarazzarsi di esso. Ma cosa succede se il processo viene soppresso aggiungendo un quarto di cucchiaino di pepe nero? Si vedono i livelli curcumina alzarsi a razzo. La biodisponibilità della curcumina aumenta fino al 2000%. Anche solo un po ‘pizzico di pepe 1/20 di un cucchiaino, può aumentare significativamente i livelli. Nella polvere di curry (che è una miscela di spezie) è già presente curcuma e pepe nero “. – Dr. Michael Greger

Gli effetti collaterali del pepe nero: 

La piperina presente nel pepe aumenta in modo significativo la curcumina e quindi la biodisponibilità generale di curcuma. Quando il pepe è appena macinato gli oli essenziali del pepe sono più disponibili.

Chimica del Pepe nero                                                                                                                                          

“Il forte aroma del pepe nero è dovuto al suo contenuto di olio essenziale. Pepe nero contiene olio essenziale di circa 1,2-3,5%. I suoi principali costituenti chimici includono: d-limonene (fino al 20%), a-pinene, b-pinene, sabinene, b-cariofillene e δ-3-carene. Si tratta di olii essenziali ricchi di monoterpeni e sesquiterpeni (ad esempio b-cariofillene).

Come erba: Pepe nero contiene il 5-10% pungenti acid-amidi (pseudoalkaloids), con la piperina come il suo composto principale e diversi altri tra cui piperyline, piperoleines, e piperamine. Studi farmacologici mostrano che piperine è analgesico, antipiretico, antinfiammatorio e presenta un effetto sedativo sul sistema nervoso centrale. “

Uno studio dal titolo: Influenza della piperina sulla farmacocinetica della curcumina negli animali e volontari umani ha dimostrato che quando piperina è stato co-somministrato con curcumina e dato ai soggetti umani la biodisponibilità della curcumina è aumentata del 2000%.

2) Aggiungere un grasso sano alla curcuma                                                                                                      

Dal momento che la curcuma è liposolubile, un altro modo per cui il vostro corpo possa assorbire completamente e sperimentare gli incredibili benefici per la salute, la curcuma deve essere combinata con un grasso.

“Quando non si scioglie correttamente, la curcumina risiede nell’intestino per molto tempo, che è dove la maggior parte del sistema immunitario vive. “80 per cento del sistema immunitario si trova nel vostro sistema digestivo, avere un intestino sano è importante se si vuole mantenere una salute ottimale”, spiega il Dr Joseph Mercola.

‘Un altro modo per aumentare l’assorbimento di curcumina è quello di consumarla nel cibo intero, la radice  di curcuma (radice fresca o secca sotto forma di polvere) contiene degli oli naturali che si trovano nella radice di curcuma e polvere di curcuma  che possono migliorare la biodisponibilità della curcumina da sette a otto volte. Infatti così la curcumina può essere assorbito direttamente nel sangue attraverso il sistema linfatico così in parte bypassando il fegato. ‘-Dr. Michael Greiger, MD

Aggiungere un grasso sano come l’ olio extravergine di oliva, l’ olio di cocco o il Ghee (burro chiarificato) aumenta la biodisponiblità della curcumina.

3) Il calore aumenta la biodisponibilità della curcuma

Dr. Saraswati Sukumar

Dr. Saraswati Sukumar spiega come aumentare la biodisponibilità di curcuma

“L’ingrediente potente nella curcuma è la curcumina, che, nonostante la sua potenza, non è facilmente assorbito dall’organismo. La padella e un pò di olio caldo entrano in gioco. “Dr. Sukumar spiega “Io uso la curcuma  in ogni soffritto, solo un quarto di cucchiaino o un mezzo cucchiaino è sufficiente. Bisogna usarne in abbondanza”

“Il problema con la pillola di curcuma è che è molto insolubile in acqua,” ha detto. “Il modo migliore per prendere e assumere la curcuma è quello di utilizzarlo spesso nei vostri piatti. Se avete ad esempio qualche sauté, basta cospargerne aggiungere curcuma nel momento in cui fate scaldare l’olio, il calore lo rende completamente biodisponibile”- Dr. Sukumar

“Abbiamo quasi 300 pubblicazioni (che citano la curcuma) per i suoi effetti anti-cancro” – Dr. Sukumar

Riepilogo per ottimizzare il beneficio della curcuma come una medicina 

1. Attivare curcuma con un po’ di calore di cottura.

2. Migliore assorbimento della curcumina 2000% attraverso la combinazione con un po ‘di pepe nero macinato al momento.

3. Aumentare la biodisponibilità di curcuma mescolandolo con un grasso sano (come olio extravergine di oliva, olio di cocco o Ghee-burro chiarificato) un pò di pepe nero macinato fresco e poi cuocere dolcemente su fuoco medio-basso (non bollire). Ghee (burro chiarificato senza caseina) è stato usato come veicolo per la medicina e come medicina dai medici ayurvedici per migliaia di anni.

Nota: NON utilizzare olio di semi di lino perchè è tossico quando viene riscaldato. Migliori oli da utilizzare sono ghee o olio di cocco.

Curcumina dose giornaliera: Linee guida secondo l’Università del Maryland Medical Center

• radice fresca: 1,5-3 g al giorno
• secca, radice in polvere: 1-3 g al giorno

Curcuma: controindicazioni ed effetti collaterali

I disturbi indesiderati della curcuma, ad alti dosaggi riguardano soprattutto la comparsa di disturbi gastrointestinali, come nausea e diarrea. Per i soggetti affetti da calcoli alla colecisti o da ostruzioni a carico delle vie biliari, meglio farne a meno. E il discorso vale anche per chi segue terapie a base di anticoagulanti, perchè potrebbe aumentare il rischio emorragico.

 

Fonti bibliografiche: 

 

LIBRI CONSIGLIATI PER APPROFONDIRE IL TEMA SULLA CURCUMA 

La Curcuma
Quando le recenti ricerche mediche riscoprono l’efficacia di un potente rimedio millenario

Voto medio su 2 recensioni: Buono

Curcuma
Le straordinarie virtù e i benefici per la salute – Con gustose ricette

Voto medio su 22 recensioni: Da non perdere

La Curcuma

 

INTEGRATORI DI CURCUMA BIODISPONIBILI CONSIGLIATI, IN FORMA ATTIVA E NATURALE PER UN MAGGIORE ASSORBIMENTO

Curcumax Botanico Mix - Curcuma Granulare e Somacco
e Pepe Nero

Voto medio su 2 recensioni: Da non perdere

Wholistic Turmeric (Curcuma) - 30 Capsule
La curcuma ha proprietà antisettiche, antinfiammatorie, coleretiche e colagoghe; stimolante delle vie biliari, antiossidante e fluidificante del sangue

Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere

Mix Curcuma Zenzero Pepe Nero Biologico
Curcuma Complex - 30 Compresse
curcuma, zenzero e pepe nero, naturalmente senza glutine

Voto medio su 23 recensioni: Da non perdere

Succo di Curcuma
Curcuma longa L.

Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere

       Curcuma in polvere Cruda bio

curcuma bio

 

 

Banner-cibocrudo

 

 

 

 

 

 

 

 

N.B.: Le informazioni fornite su questa pagina hanno scopo puramente informativo; esse non possono sostituire in alcun modo le prescrizioni di un medico.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *