surriscaldamento globale documentario di di caprio

Di Caprio e il suo documentario sul surriscaldamento globale

Per surriscaldamento globale intendiamo il fenomeno di aumento delle temperature medie della superficie terrestre, non riconducibile a fattori naturali.

Fenomeno che si è verificato a partire dall’inizio del XX secolo, ma in particolare nella seconda metà del XX secolo.

Secondo un rapporto del Intergovernmental Panel on Climate Change del 2007 la temperatura media della Terra è aumentata di 0.74 ± 0.18 °C durante il XX secolo. 

Surriscaldamento globale: Cause

Le cause del surriscaldamento gobale sono state esaminate in maniera dettagliata solamente a partire dagni anni ’50, da quando le attività umane sonoi aumentate in maniera esponenziale.

Le cause del surriscaldamento golobale osno attribuite in maggior parte proprio alle attività legate all’uomo.

In particolare:

  • Aumento di gas serra nell’atmosfera.
  • Continua deforestazione.
  • Incremento di aerosol.
  • Allevamento intensivo.

Un rapporto del Intergovernmental Panel on Climate Change afferma che la maggior parte degli incrementi di temperatura osservati dalla metà del XX secolo è dovuto all’aumento di gas serra prodotto dall’uomo;mentre si stima che sotto il 5% ciò sia dovutro a cause naturali.

Il riscaldamento riguarda sia gli oceani che l’atmosfera.

Documentario di Leonardo Di Caprio sul surriscaldamento globale

Su questo delicato tema, l’attore Di Caprio ha proprio realizzato un bellissimo documentario.

È disponibile infatti online il documentario Punto di non ritorno – Before the Flood il bellissimo documentario diretto da Leonardo Di Caprio avente come tema il riscaldamento globale.

È stato girato in collaborazione con National Geographic che ieri sera lo ha mandato in onda, ed era uno dei documentari più attesi dell’ ultimo periodo.

Protagonista del documentario è proprio Di Caprio che gira il mondo per capire come il riscaldamento globale sta influenzando il nostro pianeta, quali sono le cause e cosa si può fare per ridurre i suoi effetti.

I critici hanno parlato bene del documentario, tranne il New York Times New York Times che in  una breve recensione critica il fatto che il film si occupi poco di cosa tutti noi possiamo fare concretamente per salvare il nostro pianeta.

Di Caprio fondatore di un associazione ambientalista dal 1998 è sempre stato sensibile a questo tema, dove ha donato personalmente decine di milioni di euro per migliorare il nostro pianeta.

Se non hai ancora visto il documentario, lo puoi vedere qui sotto.

 

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *